Nuove tecnologie dentali ,

L’ozono in odontoiatria

Una nuova tecnica in odontoiatria

 

Una polemica latente in odontoiatria riguarda l’ozono. Non ha niente a che vedere con lo strato che circonda il nostro pianeta ma si tratta di una forma alternativa delle nuove tecnologie dentali.  Nuova appunto e controversa. Alcuni dentisti sono convinti che l’utilizzo del gas ozono, un potente ossidante che naturale, su di un dente in decomposizione possa fermare o addirittura invertire il processo.

 

La carie dentali, note anche come cavità, sono infezioni batteriche che erodono e distruggono la struttura del dente a causa l’acido che viene rilasciato ogni volta che del cibo viene consumato. L’ozono è tossico per alcuni batteri. La teoria è che l’iniezione di ozono su una carie, una corretta igiene orale, una corretta alimentazione e, perchè no, l’uso di uno smart retainer, potrebbero ridurre il numero di batteri che provocano la carie.

 

L’ozono (O3) è formata da ossigeno (O2) che si è diviso in due molecole di ossigeno (O1) in seguito ad alcune condizioni come per esempio la scarica elettrica di un fulmine. Queste singole molecole di O1 si scontrano con ossigeno O2 per formare l’ozono. Se dopo un temporale sentite un odore diverso nell’aria questo è dovuto alla più alta concentrazione di ozono.

utilizzo dell'ozono in odontoiatria

L’ozono esistere in forma di gas, liquida o solida, ed è stato a lungo utilizzato nelle industrie e nei medicinali. La molecola di ossigeno supplementare dell’ ozono è debolmente legata alle altre, ciò significa che si può facilmente “staccare” e attaccare ossidando altre molecole. Questo processo di ossidazione può distruggere vari microrganismi. Prodotti a base di ozono sono spesso utilizzati per sterilizzare gli strumenti negli ospedali. L’ozono è utilizzato anche in alcuni sistemi idrici municipali per uccidere i batteri nell’ acqua.

 

I fautori sostengono che è possibile utilizzare l’ozono per avviare un processo che rimuove i batteri, arresta la formazione delle cavità dentali e inizia un processo di riparazione attraverso rimineralizzazione dei denti danneggiati. Alcuni batteri, virus e funghi mancano di enzimi antiossidanti nelle loro membrane cellulari, questi vengono quindi distrutti quando l’ozono rompe la membrana cellulare. Le cellule sane, invece, non sono influenzate dall’ ozono perché hanno enzimi antiossidanti nella loro membrana cellulare. Quelli nella comunità dentale in favore della terapia ozono che i dentisti stanno utilizzando per la terapia parodontale, l’ozono può essere usato, inoltre, nel trattamento della radice, per curare la sensibilità dentale, herpes labiale e altre infezioni dentali.

 

ozono odontoiatrico

Utilizzare l’ozono in odontoiatria è un’idea interessante e abbastanza semplice. Consente di risparmiare e di proteggere un dente dalla carie, evitando l’uso di aghi e anestetici. Ciò sarebbe preferito anche da molti pazienti. Purtroppo, nonostante alcuni esperimenti in laboratorio promettenti contro i batteri che causano carie, non si è ancora raggiunta la certezza che la terapia di ozono in odontoiatria sia sufficiente e pienamente efficace e conveniente per la gestione e il trattamento della carie. Nel frattempo, negli Stati Uniti la “Food and Drug Administration” (FDA), che valuta i nuovi farmaci e dispositivi medici per la sicurezza e l’efficacia e regola il loro utilizzo e la commercializzazione negli Stati Uniti, ha permesso alcuni trattamenti odontoiatrici a base di ozono.

Non è ancora noto quanto tempo gli studi clinici impiegheranno per ultimare le ricerche necessarie. Quanto è chiaro è che l’utilizzo dell’ozono in odontoiatria stia entrando a poco a poco nelle nuove tecnologie per i dentisti.

Alcune ricerche hanno dato risultati incoerenti dimostrando che non sempre i trattamenti con ozono sono sufficienti per trattare e invertire il processo di decadimento di un dente. Pertanto, almeno al momento, l’ozono terapia per il trattamento, prevenzione e controllo della carie non è considerato una valida alternativa ai metodi di trattamento attuali.

Leave a Reply